Un mondo a colori!

bambini-del-mondoQuesta mattina, in classe quarta, abbiamo dedicato una buona parte del nostro tempo scuola a riflettere sulle emozioni dei ragazzi. Un po’ perché alcuni episodi lo hanno reso necessario, un po’ perché mia moglie Rosy, pedagogista clinico (www.ombelicoarezzo.wordpress.com), mi ha sempre insegnato a porre un’attenzione particolare alle emozioni, periodicamente, ed in maniera traversale, cerchiamo di sviluppare, in classe, occasioni di riflessione su di un aspetto che vale molto più della matematica e l’italiano.

“Ieri, ragazzi, dopo aver discusso insieme, vi ho lasciati liberi di ‘raccontare’ le vostre emozioni attraverso un semplice foglio. Come vi ho detto, potevate scrivere pensieri, poesie, aforismi, fare disegni con le tecniche che ognuno desiderava …”

“Ci hai anche detto che si poteva, davvero farne ciò che si voleva: quindi, anche accartocciarlo o farne un aeroplanino!”

Quando, ieri mattina, ho invitato i ragazzi a raccontare le emozioni provate nel modo più libero, sono, inizialmente rimasti, spiazzati. Una bambina mi ha, addirittura, chiesto se avessi, poi, messo un voto sul lavoro. Ho, quindi, chiarito loro che, se uno avesse lavorato liberamente avrebbe preso dieci. L’alternativa al dieci era lo zero. Questa provocazione ha sortito l’effetto voluto: i ragazzi si sono sentiti liberi di tagliuzzare il foglio, appiccicarci sopra altre cose, scrivere liberamente, senza tener conto dell’ortografia, disegnare, usare pennarello o brillantini, colori in rilievo o matite.

“Adesso, se volete, potete presentare ai vostri compagni il lavoro che avete fatto …”

“Io ho disegnato una foglia secca e una foglia verde: la prima rappresenta una persona triste, alla quale è stata fatta un’offesa. La foglia verde è invece la persona felice, gioiosa!”; “Io ho pianto, quando, alla scuola materna, una bambina mi ha preso in giro perché portavo l’apparecchio …”; “Io ho disegnato un cuore con i nomi dei bambini di prima e seconda. Poi un secondo cuore, un po’ più grande, con i nomi dei bambini della classe terza: eravamo aumentati di tre! Infine, il terzo cuore, che rappresenta la quarta, è ancora più grande, perché ci sono altri due nuovi amici!”; “Io ho pianto quando un bambino mi ha detto che sono lenta …”; “A me hanno detto che sono troppo piccola!”; “A me che sono veloce e confusionario …”; “Io ho fatto un buco nel foglio, perché volevo comunicare la mia rabbia!”

Questa ‘lezione’ sulle emozioni, fatta dai ragazzi ai ragazzi, è stata una delle occasioni più significative di questo anno scolastico. Non è facile accogliere le diversità nel modo di vestire, di pettinarsi, di parlare, nelle abitudini alimentari, religiose … Spesso gli adulti non aiutano, anzi, sono proprio loro a costruire i pregiudizi, spiazzando i bambini.

“Meno male, maestro, che siamo tutti diversi nel modo! Altrimenti, che dovremmo fare: pettinarci tutti allo stesso modo, vestirci con una medesima uniforme, mangiare le stesse cose, parlare tutti la stessa lingua, e così via … che barba che sarebbe!”

Proprio una bella lezione di vita: grazie bambini!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: